Perchè a Bologna una facoltà della alterità e del vivere insieme