Il paper cerca di rispondere alle seguente domande: si può parlare di "percezione del paesaggio" nel contesto della scienza? esistono barriere invalicabili fra "arti" (intese non nel senso classico, bensì in quello moderno, di "arti belle") e scienze, nel caso in cui sussista una qualche forma di interesse per il paesaggio da parte dello scienziato?

"Natura naturalizzata" e "natura ricreata": scienza e paesaggio

TUGNOLI, SANDRA
2004

Abstract

Il paper cerca di rispondere alle seguente domande: si può parlare di "percezione del paesaggio" nel contesto della scienza? esistono barriere invalicabili fra "arti" (intese non nel senso classico, bensì in quello moderno, di "arti belle") e scienze, nel caso in cui sussista una qualche forma di interesse per il paesaggio da parte dello scienziato?
La percezione del paesaggio nel Rinascimento
251
270
S. Tugnoli
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/11705
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact