Il testo nomade: Horoki di Hayashi Fumiko