È molto diffusa l’idea che i sussidi agricoli americani contribuiscano significativamente all’obesità e che la riduzione di tali sussidi sarebbe un importante passo avanti verso la soluzione del problema. In questo articolo vengono prese in esame le relazioni tra i programmi agricoli e i prezzi dei prodotti agricoli negli Stati Uniti, e le implicazioni dei cambiamenti dei prezzi dei prodotti provocati dalle politiche per i prezzi degli alimenti, il consumo alimentare e l’obesità, facendo riferimento sia a dati sugli Stati Uniti, sia ad alcuni confronti internazionali sui sostegni all’agricoltura, sui prezzi degli alimenti e sui tassi di obesità. Da questa analisi si evince che i programmi agricoli statunitensi hanno avuto effetti trascurabili sui prezzi pagati dai consumatori per gli alimenti e quindi un’influenza altrettanto trascurabile sui modelli alimentari degli americani e sull’obesità. Anche l’evidenza internazionale conferma queste conclusioni: i Paesi che sostengono gli agricoltori tendono ad avere tassi di obesità relativamente bassi. In questi Paesi, il principale sostegno agli agricoltori avviene tramite barriere commerciali e prezzi al consumatore più alti, che scoraggia il consumo e riduce l’obesità. Questa analisi informale delle correlazioni tra obesità, prezzi degli alimenti e prezzi dei prodotti alimentari avalla l’opinione che, più che i sussidi agricoli, le politiche che riducono (o aumentano) il prezzo interno dei prodotti alimentari possono maggiormente influenzare i prezzi degli alimenti, il consumo alimentare e quindi l’obesità, prima tra queste è il sostegno pubblico alla ricerca e allo sviluppo agricoli.

Le politiche agricole ci ingrassano?

RAGONA, MADDALENA
2009

Abstract

È molto diffusa l’idea che i sussidi agricoli americani contribuiscano significativamente all’obesità e che la riduzione di tali sussidi sarebbe un importante passo avanti verso la soluzione del problema. In questo articolo vengono prese in esame le relazioni tra i programmi agricoli e i prezzi dei prodotti agricoli negli Stati Uniti, e le implicazioni dei cambiamenti dei prezzi dei prodotti provocati dalle politiche per i prezzi degli alimenti, il consumo alimentare e l’obesità, facendo riferimento sia a dati sugli Stati Uniti, sia ad alcuni confronti internazionali sui sostegni all’agricoltura, sui prezzi degli alimenti e sui tassi di obesità. Da questa analisi si evince che i programmi agricoli statunitensi hanno avuto effetti trascurabili sui prezzi pagati dai consumatori per gli alimenti e quindi un’influenza altrettanto trascurabile sui modelli alimentari degli americani e sull’obesità. Anche l’evidenza internazionale conferma queste conclusioni: i Paesi che sostengono gli agricoltori tendono ad avere tassi di obesità relativamente bassi. In questi Paesi, il principale sostegno agli agricoltori avviene tramite barriere commerciali e prezzi al consumatore più alti, che scoraggia il consumo e riduce l’obesità. Questa analisi informale delle correlazioni tra obesità, prezzi degli alimenti e prezzi dei prodotti alimentari avalla l’opinione che, più che i sussidi agricoli, le politiche che riducono (o aumentano) il prezzo interno dei prodotti alimentari possono maggiormente influenzare i prezzi degli alimenti, il consumo alimentare e quindi l’obesità, prima tra queste è il sostegno pubblico alla ricerca e allo sviluppo agricoli.
J.M. Alston, D.A. Sumner, S.A. Vosti
Farm subsidies and obesity in the United States: National evidence and international comparisons
MADDALENA RAGONA
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/112481
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact