Un moderno alla maniera degli antichi: sullo Spinoza di Strauss