Considerazioni sullo statuto del testo a partire da un quadro di Balthus