Preoccupa la diffusione del deperimento da fitoplasmi