In questa review gli Autori sottolineano le conoscenze attuali sulla ampiezza biologica sia dei denti che degli impianti e la necessità di trovare linee-guida comuni, data l'eterogeneità dei protocollli usati. La corretta gestione dell'ampiezza biologica è un compito difficile che è anche probabilmente dovuto alla sua variabilità in differenti tipi di dente, di superficie e di quadro clinico parodontale. La conclusione di questa review può costituire la base per nuove ricerche in questo campo di grande importanza clinica.

L'ampiezza biologica in relazione alla tipologia dentale

CHECCHI, LUIGI;GATTO, MARIA ROSARIA;FELICE, PIETRO
2004

Abstract

In questa review gli Autori sottolineano le conoscenze attuali sulla ampiezza biologica sia dei denti che degli impianti e la necessità di trovare linee-guida comuni, data l'eterogeneità dei protocollli usati. La corretta gestione dell'ampiezza biologica è un compito difficile che è anche probabilmente dovuto alla sua variabilità in differenti tipi di dente, di superficie e di quadro clinico parodontale. La conclusione di questa review può costituire la base per nuove ricerche in questo campo di grande importanza clinica.
L. Checchi; F. Fiori; M.R. Gatto; P. Felice
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/10955
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact