La crisi finanziaria e l’impero dei “valutatori"