Goffredo Coppolae l'Università di Bologna: uno scomodo caso di continuità istituzionale