Il lavoro si propone di analizzare le questioni relative all'uso di sistemi di intelligenza artificiale (software agents o agenti cibernetici) in ambito contrattuale, anche con riferimento a sistemi giuridici sovranazionali (PECL, Principi UNIDROIT, United Nations Convention on the Use of Electronic Communications in International Contracts), previa disamina dei principi di funzionamento di tali tecnologie (basate sul ricorso a strategie euristiche per gestire l'esplosione combinatoria) e del loro impatto sulla teoria generale del contratto.

Contratto cibernetico

BRAVO, FABIO
2011

Abstract

Il lavoro si propone di analizzare le questioni relative all'uso di sistemi di intelligenza artificiale (software agents o agenti cibernetici) in ambito contrattuale, anche con riferimento a sistemi giuridici sovranazionali (PECL, Principi UNIDROIT, United Nations Convention on the Use of Electronic Communications in International Contracts), previa disamina dei principi di funzionamento di tali tecnologie (basate sul ricorso a strategie euristiche per gestire l'esplosione combinatoria) e del loro impatto sulla teoria generale del contratto.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/108781
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact