Il poeta argentino Néstor Perlongher (1949-1992) si auto-esilia in Brasile nel 1981 per restarvi fino alla morte. Il Brasile si configura nella sua esperienza intellettuale non solo come luogo di privazione ma anche di sperimentazione di una nuova soggettività nomade in cui la sua proposta poetica - il neobarocco - e politica - un'utopia antiedipica fondata sul 'carnevalismo'- trovano un terreno sul quale poggiarsi.

Sessualizzare l’esilio: desiderio e utopia nel Brasile di Néstor Perlongher.

BALLETTA, EDOARDO
2009

Abstract

Il poeta argentino Néstor Perlongher (1949-1992) si auto-esilia in Brasile nel 1981 per restarvi fino alla morte. Il Brasile si configura nella sua esperienza intellettuale non solo come luogo di privazione ma anche di sperimentazione di una nuova soggettività nomade in cui la sua proposta poetica - il neobarocco - e politica - un'utopia antiedipica fondata sul 'carnevalismo'- trovano un terreno sul quale poggiarsi.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/108709
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact