Basta il giusto (quanto e quando). Lettera a uno studente sulla società della sufficienza