In italiano standard l'indicativo imperfetto, che viene di norma utilizzato per riferirsi ad eventi o stati di cose reali accaduti nel passato e presentati con una visualizzazione appunto imperfettiva, conosce anche una serie di usi nei quali può essere invece utilizzato per riferirsi anche al presente o al futuro, e per presentare vicende non-reali o addirittura irreali con una visualizzazione anche perfettiva. In particolare nell'italiano parlato in Romagna l'imperfetto indicativo "imminenziale", utilizzato come in italiano standard per riferirsi ad eventi o stati di cose quasi (e quindi non) avvenuti nel passato, si combina elettivamente con l'avverbio 'ormai', che contrariamente a quanto accade nell'italiano standard - dove ha un valore aspettuale di carattere perfettivo - assume qui il significato di 'quasi'. Il fuoco teorico principale dell'articolo è l'applicazione ad una varietà connotata diamesicamente e diatopicamente (l'italiano parlato in Romagna) di categorie linguistiche di carattere assolutamente generale quali le caratteristiche modali-epistemiche, temporali ed aspettuali delle forme verbali ed avverbiali di una lingua naturale.

Una nota su imperfetto “imminenziale” ed aspettualità avverbiale nell’italiano parlato in Romagna.

MAZZOLENI, MARCO;
2011

Abstract

In italiano standard l'indicativo imperfetto, che viene di norma utilizzato per riferirsi ad eventi o stati di cose reali accaduti nel passato e presentati con una visualizzazione appunto imperfettiva, conosce anche una serie di usi nei quali può essere invece utilizzato per riferirsi anche al presente o al futuro, e per presentare vicende non-reali o addirittura irreali con una visualizzazione anche perfettiva. In particolare nell'italiano parlato in Romagna l'imperfetto indicativo "imminenziale", utilizzato come in italiano standard per riferirsi ad eventi o stati di cose quasi (e quindi non) avvenuti nel passato, si combina elettivamente con l'avverbio 'ormai', che contrariamente a quanto accade nell'italiano standard - dove ha un valore aspettuale di carattere perfettivo - assume qui il significato di 'quasi'. Il fuoco teorico principale dell'articolo è l'applicazione ad una varietà connotata diamesicamente e diatopicamente (l'italiano parlato in Romagna) di categorie linguistiche di carattere assolutamente generale quali le caratteristiche modali-epistemiche, temporali ed aspettuali delle forme verbali ed avverbiali di una lingua naturale.
Minding the Gap: Studies in Linguistic and Cultural Exchange
299
306
m. mazzoleni; paolo rambelli
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/107614
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact