Normalmente pensiamo alla media education con le categorie del curriculum scolastico, mentre è fuori dalla scuola che il soggetto si forma al rapporto con i media, soprattutto attraverso le esperienze di socializzazione. Ma i processi di socializzazione sfuggono alle categorie della intenzionalità educativa; in questo ambito, per trovare un modello autenticamente pedagogico, dobbiamo ricorrere al mentoring. L’articolo si propone di definire il mentore come una possibile, autentica figura di media educator che molti possono aver incontrato nella propria esperienza di formazione. Tre esempi presi dalla letteratura e dal cinema ci aiutano a “dare immagine” a questo modello pedagogico.

Zana, Alfredo e lo zio Carl. Media education e pedagogia del mentore

FARNE', ROBERTO
2011

Abstract

Normalmente pensiamo alla media education con le categorie del curriculum scolastico, mentre è fuori dalla scuola che il soggetto si forma al rapporto con i media, soprattutto attraverso le esperienze di socializzazione. Ma i processi di socializzazione sfuggono alle categorie della intenzionalità educativa; in questo ambito, per trovare un modello autenticamente pedagogico, dobbiamo ricorrere al mentoring. L’articolo si propone di definire il mentore come una possibile, autentica figura di media educator che molti possono aver incontrato nella propria esperienza di formazione. Tre esempi presi dalla letteratura e dal cinema ci aiutano a “dare immagine” a questo modello pedagogico.
R. Farnè
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/106469
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact