All’incrocio dei sentieri linguistici e pittorici, Bouraoui attende il lettore per guidarlo nella sua topografia intima ed iniziarlo alla sua lingua, un alfabeto privato dove le parole sono “lettere spaesanti” e i silenzi “scarlattano”. Alfabeto di un nomade per scelta, viaggiatore dalle suole di vento, che ha rifiutato di cristallizzarsi nell’idea monolitica di esilio. In un’epoca di mutamenti ed emigrazione perpetua, Hédi Bouraoui sembra volerci dire che la poesia è vera terra d’accoglienza, e il compito del poeta quello di “raschiare l’alfabeto dei viaggi”, allineando parole “nell’interstizio delle etnie/ per scongiurare l’arrivo di note stonate”.

Nomadaime

VITALI, ILARIA
2007

Abstract

All’incrocio dei sentieri linguistici e pittorici, Bouraoui attende il lettore per guidarlo nella sua topografia intima ed iniziarlo alla sua lingua, un alfabeto privato dove le parole sono “lettere spaesanti” e i silenzi “scarlattano”. Alfabeto di un nomade per scelta, viaggiatore dalle suole di vento, che ha rifiutato di cristallizzarsi nell’idea monolitica di esilio. In un’epoca di mutamenti ed emigrazione perpetua, Hédi Bouraoui sembra volerci dire che la poesia è vera terra d’accoglienza, e il compito del poeta quello di “raschiare l’alfabeto dei viaggi”, allineando parole “nell’interstizio delle etnie/ per scongiurare l’arrivo di note stonate”.
Hédi Bouraoui
Nomadaime
I. Vitali
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/105945
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact