Il Requiem polifonico d’inizio Cinquecento: un prodotto della cultura mercantile?