Sull'applicazione della fotografia ai fenomeni fisiognomici e mentali della follia