L’utile ambiguità: le due facce dell’arte d’arrangiarsi