Le parentesi vuote della città contemporanea