Questo articolo inquadra alcune attuali implicazioni a livello locale in Mozambico dello sviluppo decentrato in una più ampia prospettiva storica, che tenga conto del rapporto tra lo stato e le comunità rurali a partire dall’epoca coloniale. A tal fine si prendere in considerazione in primo luogo la recente politica di decentralizzazione alla luce dell’evoluzione storica dell’amministrazione statale a partire dal periodo coloniale; in secondo luogo, si considera l’attuale forma di decentralizzazione in rapporto all’attuazione di altre fondamentali riforme politiche di questi anni: la Riforma della Terra, il Decreto Legge sulle “autorità comunitarie”, e i programmi di gestione comunitaria delle risorse naturali. È possibile infatti ricostruire come l’entità politica e sociale su cui tali riforme sono basate e che in una certa misura contribuiscono a “creare”, la “comunità rurale” tradizionale africana, richiami da vicino un’analoga entità, forgiata in epoca coloniale, che doveva costituire la base dell’amministrazione coloniale locale, la regedoria. Questa operazione non è limitata a ricostruire un parallelismo tra due momenti della storia del Mozambico apparentemente distanti nelle politiche promosse come nel tempo, bensì mira a far emergere le basi su cui si reggono in Mozambico gli attuali programmi di sviluppo promossi da vari attori del panorama nazionale e internazionale e le contraddizioni che hanno già cominciato a minare le riforme in corso.

Sviluppo decentrato in Mozambico. Dalle politiche coloniali alla good governance

TORNIMBENI, CORRADO
2008

Abstract

Questo articolo inquadra alcune attuali implicazioni a livello locale in Mozambico dello sviluppo decentrato in una più ampia prospettiva storica, che tenga conto del rapporto tra lo stato e le comunità rurali a partire dall’epoca coloniale. A tal fine si prendere in considerazione in primo luogo la recente politica di decentralizzazione alla luce dell’evoluzione storica dell’amministrazione statale a partire dal periodo coloniale; in secondo luogo, si considera l’attuale forma di decentralizzazione in rapporto all’attuazione di altre fondamentali riforme politiche di questi anni: la Riforma della Terra, il Decreto Legge sulle “autorità comunitarie”, e i programmi di gestione comunitaria delle risorse naturali. È possibile infatti ricostruire come l’entità politica e sociale su cui tali riforme sono basate e che in una certa misura contribuiscono a “creare”, la “comunità rurale” tradizionale africana, richiami da vicino un’analoga entità, forgiata in epoca coloniale, che doveva costituire la base dell’amministrazione coloniale locale, la regedoria. Questa operazione non è limitata a ricostruire un parallelismo tra due momenti della storia del Mozambico apparentemente distanti nelle politiche promosse come nel tempo, bensì mira a far emergere le basi su cui si reggono in Mozambico gli attuali programmi di sviluppo promossi da vari attori del panorama nazionale e internazionale e le contraddizioni che hanno già cominciato a minare le riforme in corso.
C. Tornimbeni
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/104750
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact