L’emofilia e le malattie emorragiche hanno un forte impatto nell’immaginario comune, ma non hanno attirato finora l’attenzione dei filosofi, eccetto qualche pagina, non sempre ben informata, di Georges Canguilhem. L’articolo tenta una prima messa a punto dello statuto filosofico di questo gruppo di patologie, considerando il problema di come definirla, in rapporto al dibattito novecentesco sulla nozione di malattia, e di come descriverla in termini ontologici. Incrociando le categorie nosografiche coi dati che risultano dall’esperienza di malattia, ne emerge un’ontologia “stratificata” che include aspetti idiografici inaggirabili e una evoluzione temporale ricominciare solo in parte analoga a quella di altre malattie croniche. English Summary: Although haemophilia and other haemorrhagic diseases have had a comparatively strong impact on popular imagination, they hardly attracted any philosophical attention. A few lines by Georges Canguilhem, out-of-date though not unperceptive, are virtually the only exception. The article presents a tentative outline of the philosophical status of this group of diseases, venturing an ontological characterization by way of comparing clinical categories to the patient’s knowledge that emerges from the illness experience. As a result, a multi-layered ontology comes to the fore, including inescapably idiographic features together with a temporal evolution which tends to restart periodically, in partial contrast to other chronic ilnesses.

Emofilia e malattie emorragiche. Per una determinazione ontologica

BRIGATI, ROBERTO
2011

Abstract

L’emofilia e le malattie emorragiche hanno un forte impatto nell’immaginario comune, ma non hanno attirato finora l’attenzione dei filosofi, eccetto qualche pagina, non sempre ben informata, di Georges Canguilhem. L’articolo tenta una prima messa a punto dello statuto filosofico di questo gruppo di patologie, considerando il problema di come definirla, in rapporto al dibattito novecentesco sulla nozione di malattia, e di come descriverla in termini ontologici. Incrociando le categorie nosografiche coi dati che risultano dall’esperienza di malattia, ne emerge un’ontologia “stratificata” che include aspetti idiografici inaggirabili e una evoluzione temporale ricominciare solo in parte analoga a quella di altre malattie croniche. English Summary: Although haemophilia and other haemorrhagic diseases have had a comparatively strong impact on popular imagination, they hardly attracted any philosophical attention. A few lines by Georges Canguilhem, out-of-date though not unperceptive, are virtually the only exception. The article presents a tentative outline of the philosophical status of this group of diseases, venturing an ontological characterization by way of comparing clinical categories to the patient’s knowledge that emerges from the illness experience. As a result, a multi-layered ontology comes to the fore, including inescapably idiographic features together with a temporal evolution which tends to restart periodically, in partial contrast to other chronic ilnesses.
MEDICINA & STORIA
Brigati R.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/104707
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact