Si analizzano le ripercussioni della rottura dei rapporti tra Lorenzo Valla e Poggio Bracciolini sull'umanesimo bolognese, nel periodo di riforma dello Studio (1450-55) dovuta al cardinal Bessarione e al suo giovane segretario Niccolò Perotti: a quest'ultimo che, allievo del Valla, non indugerà a prendere le difese del maestro, si opporrà una classe di eruditi locali tradizionalisti, di fede ciceroniana e in contatto col Bracciolini, ben rappresentati da Benedetto Morandi.

Perotti e Morandi nella disputa Valla-Bracciolini: Umanesimo bolognese tra nuove e vecchie tendenze

SEVERI, ANDREA
2009

Abstract

Si analizzano le ripercussioni della rottura dei rapporti tra Lorenzo Valla e Poggio Bracciolini sull'umanesimo bolognese, nel periodo di riforma dello Studio (1450-55) dovuta al cardinal Bessarione e al suo giovane segretario Niccolò Perotti: a quest'ultimo che, allievo del Valla, non indugerà a prendere le difese del maestro, si opporrà una classe di eruditi locali tradizionalisti, di fede ciceroniana e in contatto col Bracciolini, ben rappresentati da Benedetto Morandi.
Lorenzo Valla e l'Umanesimo bolognese
93
114
A. Severi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/103786
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact