Il saggio ricostruisce il retaggio che le scienze sociali hanno lasciato nel lessico dei Quaderni del Carcere di Antonio Gramsci. L'analisi viene condotta nel confronto specifico con Max Weber, indagando in entrambi gli autori il rapporto con il fenomeno della crescente burocratizzazione e il conseguente problema della legittimazione del potere.

Una filologia della società. Antonio Gramsci e la scoperta delle scienze sociali

FILIPPINI, MICHELE
2009

Abstract

Il saggio ricostruisce il retaggio che le scienze sociali hanno lasciato nel lessico dei Quaderni del Carcere di Antonio Gramsci. L'analisi viene condotta nel confronto specifico con Max Weber, indagando in entrambi gli autori il rapporto con il fenomeno della crescente burocratizzazione e il conseguente problema della legittimazione del potere.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/103725
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact