Il plasticatore modenese Antonio Begarelli, nel corso del XVI secolo fra i più alti rappresentanti della scuola emiliana che fin dai tempi di Nicolò dell'Arca aveva visto nella terracotta policroma il materiale prediletto per l'arte scultorea, lasciò nella chiesa di San pietro a Modena alcune fra le sue opere più importanti e conosciute. Il saggio ripercorre le committenze che dialogarono con il Begarelli, ammirato anche da giorgio Vasari, nel secondo quarto del Cinquecento. Lo scritto si conclude con la publbicazione di alcuni documenti inediti utili a ricostruire gli anni del Begarelli in San Pietro e a Modena.

L’opera di Antonio Begarelli

CIANCABILLA, LUCA
2006

Abstract

Il plasticatore modenese Antonio Begarelli, nel corso del XVI secolo fra i più alti rappresentanti della scuola emiliana che fin dai tempi di Nicolò dell'Arca aveva visto nella terracotta policroma il materiale prediletto per l'arte scultorea, lasciò nella chiesa di San pietro a Modena alcune fra le sue opere più importanti e conosciute. Il saggio ripercorre le committenze che dialogarono con il Begarelli, ammirato anche da giorgio Vasari, nel secondo quarto del Cinquecento. Lo scritto si conclude con la publbicazione di alcuni documenti inediti utili a ricostruire gli anni del Begarelli in San Pietro e a Modena.
La chiesa di San Pietro a Modena
215
229
L. Ciancabilla
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/103585
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact