Confluita nell'Apocalisse, l'esperienza visionaria di Giovanni viene da lui stesso interpretata come contatto e comunicazione con Gesù: l'irruzione della presenza del Maestro, nel farsi corpo e poi testo, ne recupera formule e parole che le tradizioni note a Giovanni a lui attribuivano, e ne "vede" i gruppi di seguaci riprodurne il destino di Messia-profeta escatologico perseguitato, ucciso e rapito in cielo. La memoria del Nazareno è così attualizzata nel suo ruolo di guida, sperimentato nell'autorità divina del testo e nella leadership incarnata e reclamata da Giovanni, l'identità dei suoi seguaci ridefinita proprio alla luce della sequela del Maestro.

Gesù di Nazareth nell'Apocalisse di Giovanni. Spirito, profezia e memoria

TRIPALDI, DANIELE
2010

Abstract

Confluita nell'Apocalisse, l'esperienza visionaria di Giovanni viene da lui stesso interpretata come contatto e comunicazione con Gesù: l'irruzione della presenza del Maestro, nel farsi corpo e poi testo, ne recupera formule e parole che le tradizioni note a Giovanni a lui attribuivano, e ne "vede" i gruppi di seguaci riprodurne il destino di Messia-profeta escatologico perseguitato, ucciso e rapito in cielo. La memoria del Nazareno è così attualizzata nel suo ruolo di guida, sperimentato nell'autorità divina del testo e nella leadership incarnata e reclamata da Giovanni, l'identità dei suoi seguaci ridefinita proprio alla luce della sequela del Maestro.
311
9788837224202
D. Tripaldi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/103499
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact