Negli scorsi mesi in Europa, in diversi Paesi membri (tra gli altri Belgio e Olanda), sono state avanzate proposte di legge volte a vietare in tutto o in parte l'utilizzo di alcuni degli indumenti in uso tra le donne di religione/tradizione mussulmana, che coprono – più o meno integralmente – il corpo ed il volto, denominati Burqa e Niquab. La prima ad introdurre per legge tale divieto assoluto è stata la Francia (con un voto quasi unanime del Senato). Oggi si discute di provvedimenti analoghi anche in Italia.

La Francia approva il divieto del burqa: e l'Italia?

RAFFIOTTA, EDOARDO CARLO
2010

Abstract

Negli scorsi mesi in Europa, in diversi Paesi membri (tra gli altri Belgio e Olanda), sono state avanzate proposte di legge volte a vietare in tutto o in parte l'utilizzo di alcuni degli indumenti in uso tra le donne di religione/tradizione mussulmana, che coprono – più o meno integralmente – il corpo ed il volto, denominati Burqa e Niquab. La prima ad introdurre per legge tale divieto assoluto è stata la Francia (con un voto quasi unanime del Senato). Oggi si discute di provvedimenti analoghi anche in Italia.
E.C. Raffiotta
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/103076
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact