Ili saggio indaga i rapporti tra i membri della magistratura di governo della Bologna della seconda metà del XV secolo, i Sedici riformatori dello stato di libertà, muovendo dal l'articolato ritratto fattone dall'ambasciatore sforzesco Gerardo Cerruti, che seppe cogliere le tensioni, i compromessi e i reciproci vantaggi del patto di governo stretto dal neopatriziato bolognese e Giovanni II Bentivoglio

Un compromesso per il privilegio: il rapporto tra Giovanni II Bentivoglio e i Sedici riformatori dello stato di libertà di Bologna

DURANTI, TOMMASO
2008

Abstract

Ili saggio indaga i rapporti tra i membri della magistratura di governo della Bologna della seconda metà del XV secolo, i Sedici riformatori dello stato di libertà, muovendo dal l'articolato ritratto fattone dall'ambasciatore sforzesco Gerardo Cerruti, che seppe cogliere le tensioni, i compromessi e i reciproci vantaggi del patto di governo stretto dal neopatriziato bolognese e Giovanni II Bentivoglio
T. Duranti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/103019
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact