Cavani, Guanda, Delfini: scartafacci per una 'critica testuale'