Guido Guglielmi: tra strutturalismo e formalismo