Il logos nell'uomo, ontologicamente connesso al divino insieme al nous, secondo processi in qualche modo identificabili, talora correlato al nous stesso, ma non coincidente, gerarchicamente inferiore, assume per l'anima una funzione di centralità cognitiva ed etica, di salvaguardia e di limite, pur essendo non solo sottoposto a rischio ma talora anche compromesso, secondo una concezione che non elimina la soggettività umana e la libertà di opzione.

Il logos nell'antropologia di Filone d'Alessandria. Considerazioni sulla creazione dell'uomo in De opificio mundi e in Legum Allegoriae

MAZZANTI, ANGELA MARIA
2011

Abstract

Il logos nell'uomo, ontologicamente connesso al divino insieme al nous, secondo processi in qualche modo identificabili, talora correlato al nous stesso, ma non coincidente, gerarchicamente inferiore, assume per l'anima una funzione di centralità cognitiva ed etica, di salvaguardia e di limite, pur essendo non solo sottoposto a rischio ma talora anche compromesso, secondo una concezione che non elimina la soggettività umana e la libertà di opzione.
Dal logos dei Greci e dei Romani al logos di Dio. Ricordando Marta Sordi
85
101
A.M. Mazzanti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/102656
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact