Un sistema integrato: la giusta risposta a bisogni sempre più complessi?