Gusto alimentare: rigida ostinazione o educazione all'apertura verso il mondo?