Lorenzo Respighi e il cannocchiale ad acqua