Un palcoscenico ideale per il "Teatro di Parola" pasoliniano: la televisione.