La visione di fotismi colorati e di “testimoni dell’invisibile” nella mistica di Najm al-din Kubrà, caposcuola del sufismo orientale del XIII sec.