L'esigenza di ri-leggere, sul piano teorico-metodologico, alcuni costrutti interpretativi del processo di orientamento e del bilancio di competenze non deve apparire come un mero esercizio accademico ma come un aiuto ad una nuova progettazione dei servizi, intesi sia come strutture che come linee di intervento consulenziale. Tali servizi potrebbero costituire una nuova specificità d’intervento, rivolta a tutte le tipologie di utenze, ma in modo particolare ai lavoratori atipici così da capitalizzare le esperienze lavorative effettuate e su queste ridisegnare/ridefinire un “nuovo progetto professionale”.

La valorizzazione delle competenze nei lavoratori atipici

CHIESA, RITA
2010

Abstract

L'esigenza di ri-leggere, sul piano teorico-metodologico, alcuni costrutti interpretativi del processo di orientamento e del bilancio di competenze non deve apparire come un mero esercizio accademico ma come un aiuto ad una nuova progettazione dei servizi, intesi sia come strutture che come linee di intervento consulenziale. Tali servizi potrebbero costituire una nuova specificità d’intervento, rivolta a tutte le tipologie di utenze, ma in modo particolare ai lavoratori atipici così da capitalizzare le esperienze lavorative effettuate e su queste ridisegnare/ridefinire un “nuovo progetto professionale”.
Severini A.; Carugati L.; Chiesa R.
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/100223
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact