In una società affamata di memoria, esistono diversi luoghi della memoria, reale, inventata e reinventata. Come è noto, edifici pubblici civili e religiosi, come la cattedrale ed i palazzi comunali, costituiscono un punto di riferimento decisamente rilevante per una città ed il suo territorio in un arco di tempo plurisecolare e millenario. Il caso preso in esame, la città di Rimini, è da questo punto di vista particolarmente significativo, considerando la storia monumentale e sociale dei luoghi. Da un lato l''antica cattedrale medievale, rifatta più volte, e distrutta all'inizio del XIX secolo, salvo pochi avanzi recentemente restaurati (sui quali interviene brevemente l'architetto restauratore), rivive nel volume, con il singolare recupero di tutta la documentazione archeologica, storico-artistica e documentaria ad essa pertinente. Dall'altro i palazzi comunali, a partire dall'Arengo, hanno a loro volta avuto una storia plurima. I monumenti sono visti come espressione della comunità che vi si è rispecchiata, che li ha vissuti, che li ha assorbiti come parte di una identità civile, culturale, religiosa, parte di un paesaggio urbano e insieme dell'anima. Si recuperano con i luoghi della memoria anche le istituzioni, la società e i personaggi, le memorie epigrafiche (per quelle più antiche si è chiesto il breve apporto di un esperto) e le origini del museo cittadino. Il consistente volume (in grande formato) è anche dotato di un ricco apparato iconografico.

I luoghi della comunità. Le cattedrali e i palazzi comunali di Rimini

TURCHINI, ANGELO
2010

Abstract

In una società affamata di memoria, esistono diversi luoghi della memoria, reale, inventata e reinventata. Come è noto, edifici pubblici civili e religiosi, come la cattedrale ed i palazzi comunali, costituiscono un punto di riferimento decisamente rilevante per una città ed il suo territorio in un arco di tempo plurisecolare e millenario. Il caso preso in esame, la città di Rimini, è da questo punto di vista particolarmente significativo, considerando la storia monumentale e sociale dei luoghi. Da un lato l''antica cattedrale medievale, rifatta più volte, e distrutta all'inizio del XIX secolo, salvo pochi avanzi recentemente restaurati (sui quali interviene brevemente l'architetto restauratore), rivive nel volume, con il singolare recupero di tutta la documentazione archeologica, storico-artistica e documentaria ad essa pertinente. Dall'altro i palazzi comunali, a partire dall'Arengo, hanno a loro volta avuto una storia plurima. I monumenti sono visti come espressione della comunità che vi si è rispecchiata, che li ha vissuti, che li ha assorbiti come parte di una identità civile, culturale, religiosa, parte di un paesaggio urbano e insieme dell'anima. Si recuperano con i luoghi della memoria anche le istituzioni, la società e i personaggi, le memorie epigrafiche (per quelle più antiche si è chiesto il breve apporto di un esperto) e le origini del museo cittadino. Il consistente volume (in grande formato) è anche dotato di un ricco apparato iconografico.
462
9788865410820
A. Turchini
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/99445
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact