Psicologia del gusto e delle preferenze alimentari. Rigida ostinazione o possibilie apertura al nuovo?