Giovani e lavoro tra continuità e segnali di cambiamento