Un teatro rinato da mondi costretti. Sulle concordanze sceniche fra reclusi, portatori di handicap e immigrati poveri