Igino Benvenuto Supino e l'occhio della memoria storica