Il contributo è inserito all’interno del catalogo della mostra ideata mettendo in parallelo l’operato di due scultrici, Properzia de’ Rossi, attiva fra 1525 e 1526 nel cantiere della basilica bolognese di San Petronio, e Lynda Benglis, tuttora vivente, ma impegnata nella New York degli anni Settanta ad affrontare una difficile affermazione professionale, in un mercato dell’arte, cioè, fortemente dominato da protagonisti maschili. In occasione di tale mostra, l’interesse su Properzia de’ Rossi (tema al quale chi scrive ha dedicato precedenti studi) ha privilegiato gli aspetti di una fortuna critica relativa al “fenomeno” della donna artista utili a focalizzare il “coraggio” singolare di “comptere in arte”, manifestato da pittrici e scultrici, a partire dai racconti delle fonti storiche (la prima testimonianza figurativa di una ceramica attica del V sec. A.C.; Plinio, Boccaccio) fino alla storiografia più recente. Il “caso” di Properzia, celebrato da Giorgio Vasari (1550, 1568) talvolta in termini quasi agiografici, ben lontani dalla realtà storica, col passare del tempo diviene materia per narrazioni da romanzo, che finiscono per far prevalere il racconto biografico sull’operato artistico. Soprattutto la morte prematura della scultrice stimolerà l’immaginario non solo di scrittori d’arte, ma anche di autori di testi teatrali. Come per altre artiste strappate alla vita nel fiore degli anni (Marietta Robusti, detta Tintoretta, secondo Carlo Ridolfi, 1648; Elisabetta Sirani, secondo Carlo Cesare Malvasia, 1678), anche la figura di Properzia si presterà come soggetto per le esercitazioni accademiche ottocentesche: una rassegna di tele con morti tragiche di artiste “eroine” correda il contributo.

Ingegno e trasgressione: Properzia de’ Rossi fra storia e romanzo

Graziani Irene
2024

Abstract

Il contributo è inserito all’interno del catalogo della mostra ideata mettendo in parallelo l’operato di due scultrici, Properzia de’ Rossi, attiva fra 1525 e 1526 nel cantiere della basilica bolognese di San Petronio, e Lynda Benglis, tuttora vivente, ma impegnata nella New York degli anni Settanta ad affrontare una difficile affermazione professionale, in un mercato dell’arte, cioè, fortemente dominato da protagonisti maschili. In occasione di tale mostra, l’interesse su Properzia de’ Rossi (tema al quale chi scrive ha dedicato precedenti studi) ha privilegiato gli aspetti di una fortuna critica relativa al “fenomeno” della donna artista utili a focalizzare il “coraggio” singolare di “comptere in arte”, manifestato da pittrici e scultrici, a partire dai racconti delle fonti storiche (la prima testimonianza figurativa di una ceramica attica del V sec. A.C.; Plinio, Boccaccio) fino alla storiografia più recente. Il “caso” di Properzia, celebrato da Giorgio Vasari (1550, 1568) talvolta in termini quasi agiografici, ben lontani dalla realtà storica, col passare del tempo diviene materia per narrazioni da romanzo, che finiscono per far prevalere il racconto biografico sull’operato artistico. Soprattutto la morte prematura della scultrice stimolerà l’immaginario non solo di scrittori d’arte, ma anche di autori di testi teatrali. Come per altre artiste strappate alla vita nel fiore degli anni (Marietta Robusti, detta Tintoretta, secondo Carlo Ridolfi, 1648; Elisabetta Sirani, secondo Carlo Cesare Malvasia, 1678), anche la figura di Properzia si presterà come soggetto per le esercitazioni accademiche ottocentesche: una rassegna di tele con morti tragiche di artiste “eroine” correda il contributo.
2024
Properzia de’ Rossi & Lynda Benglis: sculpitrici di capriccioso e destrissimo ingegno
52
67
Graziani Irene
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/955682
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact