L'articolo indaga l'effetto della fortuna della poesia rodariana nella scuola italiana e nella poesia "per bambini" (e non solo) a partire dagli anni Ottanta. In primo luogo si affronta il ruolo di Rodari nell'introduzione di un modo nuovo di fare poesia in classe, coinvolgendo i bambini e accogliendone le sollecitazioni, così da creare in loro un rapporto diretto con la poesia intesa come esperienza in grado di nutrire la loro immaginazione e la capacità di uso creativo della lingua. Questo cambio di atteggiamento non è senza conseguenze nel panorama della poesia italiana: porta a rivalutare una forma popolare legata alla dimensione dell’oralità e della ritualità condivisa, come la filastrocca e, in generale, le forme poetiche semplici e ripetitive; determina uno svecchiamento generale dei temi e della lingua dei testi poetici destinati a entrare a scuola tramite i libri di lettura; riporta l’attenzione sulla dimensione ludica della parola poetica, valorizzando anche il nonsense e inaugurando il filone della poesia metalinguistica e grammaticale. La figura di Rodari, inoltre, funziona da reagente per i poeti coevi (come Antonio Porta) che, dalla fine degli anni Settanta, iniziano a interrogarsi sulla possibilità di aprire le sperimentazioni al linguaggio infantile e di confrontarsi con le reazioni di un pubblico, quello scolastico, abituato ai testi poetici di un canone chiuso alle provocazioni della poesia contemporanea. Rodari è infine il capofila di un nuovo filone di poesia "per i bambini", che ha in Roberto Piumini, Bernard Friot, Bruno Tognolini, Chiara Carminati alcuni dei rappresentanti più significativi.

L'effetto Rodari tra poesia per bambini e didattica dell'italiano

De Santis, Cristiana
2023

Abstract

L'articolo indaga l'effetto della fortuna della poesia rodariana nella scuola italiana e nella poesia "per bambini" (e non solo) a partire dagli anni Ottanta. In primo luogo si affronta il ruolo di Rodari nell'introduzione di un modo nuovo di fare poesia in classe, coinvolgendo i bambini e accogliendone le sollecitazioni, così da creare in loro un rapporto diretto con la poesia intesa come esperienza in grado di nutrire la loro immaginazione e la capacità di uso creativo della lingua. Questo cambio di atteggiamento non è senza conseguenze nel panorama della poesia italiana: porta a rivalutare una forma popolare legata alla dimensione dell’oralità e della ritualità condivisa, come la filastrocca e, in generale, le forme poetiche semplici e ripetitive; determina uno svecchiamento generale dei temi e della lingua dei testi poetici destinati a entrare a scuola tramite i libri di lettura; riporta l’attenzione sulla dimensione ludica della parola poetica, valorizzando anche il nonsense e inaugurando il filone della poesia metalinguistica e grammaticale. La figura di Rodari, inoltre, funziona da reagente per i poeti coevi (come Antonio Porta) che, dalla fine degli anni Settanta, iniziano a interrogarsi sulla possibilità di aprire le sperimentazioni al linguaggio infantile e di confrontarsi con le reazioni di un pubblico, quello scolastico, abituato ai testi poetici di un canone chiuso alle provocazioni della poesia contemporanea. Rodari è infine il capofila di un nuovo filone di poesia "per i bambini", che ha in Roberto Piumini, Bernard Friot, Bruno Tognolini, Chiara Carminati alcuni dei rappresentanti più significativi.
2023
Effetto Rodari
21
43
De Santis, Cristiana
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/949963
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact