Tra ustione e attrito: la poesia di Patrizia Vicinelli