nella fotografia della Modotti è l’attenzione focalizzata ai corpi, ai gesti, alle persone, ai volti, alle umanità quello che sostanzia il suo essere stata una fotografa femminista. La sua capacità di raccontare i corpi, che il suo sguardo connota come corpi ideologici, come portatori di esigenze e di bisogni, si colloca tra i capitoli più importanti della storia della fotografia del primo Novecento. Ma l’attenzione alle politiche del corpo, e soprattutto del corpo delle donne, si configura proprio come una tra le prime attestazioni di quello che per le artiste diventerà un elemento centrale della rivendicazione femminista: se nell’arte del dopo ’68 il corpo e le sue manifestazioni saranno protagonisti delle azioni artistiche, ripensare il corpo delle donne a partire da un’esperienza fotografica di una donna come Tina Modotti è un passo decisivo nel processo di riappropriazione di una storia e di una identità da sempre raccontate solo dallo sguardo maschile.

Tina Modotti, una fotografa (femminista) e "niente altro" / F.Muzzarelli. - STAMPA. - (2023), pp. 1-266.

Tina Modotti, una fotografa (femminista) e "niente altro"

F. Muzzarelli
2023

Abstract

nella fotografia della Modotti è l’attenzione focalizzata ai corpi, ai gesti, alle persone, ai volti, alle umanità quello che sostanzia il suo essere stata una fotografa femminista. La sua capacità di raccontare i corpi, che il suo sguardo connota come corpi ideologici, come portatori di esigenze e di bisogni, si colloca tra i capitoli più importanti della storia della fotografia del primo Novecento. Ma l’attenzione alle politiche del corpo, e soprattutto del corpo delle donne, si configura proprio come una tra le prime attestazioni di quello che per le artiste diventerà un elemento centrale della rivendicazione femminista: se nell’arte del dopo ’68 il corpo e le sue manifestazioni saranno protagonisti delle azioni artistiche, ripensare il corpo delle donne a partire da un’esperienza fotografica di una donna come Tina Modotti è un passo decisivo nel processo di riappropriazione di una storia e di una identità da sempre raccontate solo dallo sguardo maschile.
2023
Tina Modotti, L'opera
1
266
Tina Modotti, una fotografa (femminista) e "niente altro" / F.Muzzarelli. - STAMPA. - (2023), pp. 1-266.
F.Muzzarelli
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/946153
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact