La via Aemilia: linea di confine e segno di identità?