Verità e giustificazione: una distinzione pragmaticamente superflua?