In questo scritto si è sottoposto ad attenta analisi il mutamento che è intervenuto nel sistema delle autonomie territoriali a seguito della riforma del Titolo V, con particolare riferimento al tema dei diritti costituzionali. In particolare, si è cercato di sondare, anche grazie ad apporti di diritto comparato, quali siano i margini di intervento delle Regioni in questa materia e come conseguentemente debba essere interpretata la competenza esclusiva statale in materia di “determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti sull’intero territorio nazionale”, di cui alla lett. m) del 2° comma dell’art. 117 Cost.

Diritti Costituzionali e Regioni

BELLETTI, MICHELE
2006

Abstract

In questo scritto si è sottoposto ad attenta analisi il mutamento che è intervenuto nel sistema delle autonomie territoriali a seguito della riforma del Titolo V, con particolare riferimento al tema dei diritti costituzionali. In particolare, si è cercato di sondare, anche grazie ad apporti di diritto comparato, quali siano i margini di intervento delle Regioni in questa materia e come conseguentemente debba essere interpretata la competenza esclusiva statale in materia di “determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti sull’intero territorio nazionale”, di cui alla lett. m) del 2° comma dell’art. 117 Cost.
I Diritti Costituzionali
1051
1099
M. Belletti
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11585/9350
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact