Le Tecnologie di informazione e comunicazione (TIC) nel mercato agroalimentre presentano numerose applicazioni che riguardano, tra le altre, il rapporto tra imprese e consumatori finali (Business to Consumer o B2C), con altre imprese (Business to Business o B2B) e con le istituzioni pubbilche (Business to Government o B2B). Lo spettro delle applicazione di TIC alle transazioni di mercato riguarda non solo gli aspetti commerciali, tra cui il marketing, ma si estende alla totalità delle funzioni aziendali, dagli acquisti, la logistica, la trasformazione, l'amministraizone sino a ricoprire un ruolo fondamentale nella gestione delle intere supply chain agroalimentari. Questo comporta una influenza rilevante sulla integrazione funzionale ed in generale sul coordinamento verticale ed orizzontale tra gli agenti del mercato agroalimentare. Le TIC riducono pertanto i costi di transazione, riducendo fortemente le asimmetrie informative del mercato. Esistono diversi modelli digitali di impresa (e-business models), caratterizzati da livelli variabili di coordinamento funzionale tra le imprese coinvolte; la scelta dei livelli di coordinamento, e relativi modelli digitali di impresa, è direttamente correlata ai costi di transazione, a loro volta influenzati dall'incertezza e dalla complessità associate alle transazioni; maggiori costi di transazione rendono più efficienti modelli digitali che comportano maggiore coordinamento tra le imprese.

Marketing e Commercio elettronico. Le tecnologie di informazione e comunicazione nel mercato agro-alimentare.

ZANASI, CESARE
2010

Abstract

Le Tecnologie di informazione e comunicazione (TIC) nel mercato agroalimentre presentano numerose applicazioni che riguardano, tra le altre, il rapporto tra imprese e consumatori finali (Business to Consumer o B2C), con altre imprese (Business to Business o B2B) e con le istituzioni pubbilche (Business to Government o B2B). Lo spettro delle applicazione di TIC alle transazioni di mercato riguarda non solo gli aspetti commerciali, tra cui il marketing, ma si estende alla totalità delle funzioni aziendali, dagli acquisti, la logistica, la trasformazione, l'amministraizone sino a ricoprire un ruolo fondamentale nella gestione delle intere supply chain agroalimentari. Questo comporta una influenza rilevante sulla integrazione funzionale ed in generale sul coordinamento verticale ed orizzontale tra gli agenti del mercato agroalimentare. Le TIC riducono pertanto i costi di transazione, riducendo fortemente le asimmetrie informative del mercato. Esistono diversi modelli digitali di impresa (e-business models), caratterizzati da livelli variabili di coordinamento funzionale tra le imprese coinvolte; la scelta dei livelli di coordinamento, e relativi modelli digitali di impresa, è direttamente correlata ai costi di transazione, a loro volta influenzati dall'incertezza e dalla complessità associate alle transazioni; maggiori costi di transazione rendono più efficienti modelli digitali che comportano maggiore coordinamento tra le imprese.
Economia del mercato agroalimentare
442
448
C. Zanasi
File in questo prodotto:
Eventuali allegati, non sono esposti

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11585/93438
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact